Collaborazione con PoliMI – CrowdSourcing del Sistema Sanitario Italiano

Con la parola ‘Crowdsourcing’ si indica la risoluzione di una problematica grazie a fonti esterne (the crowd) tramite la generazione di un contest. Il problema viene tipicamente pubblicato su una piattaforma a cui hanno accesso i ‘solvers’, ovvero coloro che sottoporranno le loro soluzioni. Questo processo viene implementato da aziende ed organizzazioni di tutto il mondo che sfruttano i suoi vantaggi di riduzione dei costi, flessibilità e possibilità di accedere ad un pool di talenti diversificato. Anche nel campo della biologia computazionale il crowdsourcing è stato testato in quanto metodo efficace ed efficiente (per maggiori info visitare la pagina   

https://lish.harvard.edu/computational-biology-algorithms). Un esempio di problematica risolta è stata l’ottimizzazione di un algoritmo per il clustering delle sequenze di anticorpi portata avanti dallo Scripps Research Institute, un centro di ricerca americano nel campo delle scienze biomediche.

Allo scopo di definire il trend italiano in merito alla tematica crowdsourcing nel settore sanitario e di ricerca, il seguente questionario (tempo di compilazione stimato 5/6 min) è stato creato da Chiara Iseppon, laureanda di Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano, in collaborazione con il laboratorio LISH (Laboratory of Innovation Science at Harvard).

Il vostro contributo alla ricerca sarebbe apprezzato.

 

LINK QUESTIONARIO: https://forms.gle/ejMeFgAuSxSF18HS7